free web hosting | free hosting | Business WebSite Hosting | Free Website Submission | shopping cart | php hosting
Olocausto FAQ        by IHR.ORG                               Traduzione di  Romeo Caudan    2003
 

1 .  CHE PROVE ABBIAMO CHE I NAZISTI ABBIANO PRATICATO UN GENOCIDIO O
       DELIBERATAMENTE UCCISO SEI MILIONI DI EBREI ?

Nessuna. Le uniche prove sono le contraddittorie testimonianze di individui
"sopravvissuti, e nessun "sopravvissuto" finora ha affermato di aver assistito ad
alcuna gassazione. Non ci sono, comunque prove materiali. Nessun mucchio di
cenere, nessun mucchio di vestiti, nessun crematorio in grado di compiere il lavoro,
nessun "sapone umano"(il famoso sapone "RJF" bufala, smentita dagli stessi israeliani ndt)
nessun paralume fatto di pelle umana, nessun documento, nessuna statistica demografica.

D' altra parte esiste un estesa quantitá di prove forensiche, demografiche, analitiche,
documentali, aneddotiche e comparative che provano chiaramente l' impossibilitá del
preteso sterminio di sei milioni di ebrei, possibilmente un' esagerazione del 1000%.
 

2.  CHE DIFFERENZA ESISTEVA TRA I CAMPI DI CONCENTRAMENTO TEDESCHI ED I
     CAMPI DI RELOCAZIONE AMERICANI, IN CUI FURONO INTERNATI I GIAPPONESI ED I
    TEDESCO- AMERICANI DURANTE LA SECONDA GUERRA MONDIALE ?

Eccetto per il nome l' unica differenza era che i tedeschi internarono persone che erano
realmente o sospettate di essere una minaccia per lo sforzo bellico tedesco, mentre gli
americani internarono persone solo sulla base della loro razza o nazionalitá.
 

3.  PERCHÉ LE AUTORITÁ TEDESCHE INTERNARONO GLI EBREI NEI CAMPI
     DI CONCENTRAMENTO ?

Perché i tedeschi consideravano gli ebrei una minaccia diretta alla loro sicurezza
e sovranitá nazionale, esattamente come fu affermato a suo tempo.
Gli ebrei erano presenti in grande maggioranza nella sovversione comunista
durante la repubblica di Weimar, e, statisticamente erano presenti in posizioni
chiave nel governo, nel commercio e nei media con una percentuale largamente
superiore alla loro percentuale demografica.
Comunque TUTTE le persone a rischio per la sicurezza furono internate, una volta
che la guerra inizió.

Il 24 marzo 1933 l' ebraismo internazionale dichiaró guerra alla Germania ed
ordinó un boicottaggio mondiale delle merci tedesche semplicemente perché
il governo tedesco rimosse gli ebrei da posizioni influenti e ritrasferí il potere al
popolo tedesco. L' ordine di boicottaggio e la guerra ebraica contro la Germania
furono riportati nella stampa di tutto il mondo. False storie di "campi di sterminio"
tedeschi stavano difatti circolando perfino prima dello scoppio della guerra.
Quindi la visione tedesca degli ebrei come stranieri ostili avrebbe dovuto essere
pienamente giustificata.
 

4.  SIMON WIESENTHAL AMMISE CHE NON CI FURONO CAMPI DI STERMINIO SU
      SUOLO TEDESCO ?

Sí.  in "Books and Bookmen", numero di aprile 1975. Affermó che la gasazione di
tutti gli ebrei fu effettuata in Polonia.
 

5. DACHAU É IN GERMANIA. SE WIESENTHAL AMMETTA CHE NON FU UN CAMPO
    DI STERMINIO PERCHÉ MIGLIAIA DI SOLDATI AMERICANI DICON CHE LO FU ?

Perché dopo che gli alleati entrarono in Dachau (e, incidentalmente assassinarono
dozzine degli addetti senza processo) migliaia di GI furono portati attraverso il campo
e visitarono edifici, pretendendo che fossero camere a gas. Questa storia fu poi
silenziosamente eliminata dalla leggenda ufficiale dell' olocausto perché divenne
troppo difficile mantenere la montatura alla luce dei fatti riconosciuti, perché Dachau
era nella zona occupata dagli alleati, e l' accesso al campo era facile e non limitato.

Comunque, la breve vita della versione "Dachau campo di sterminio" fu dovuta alle
prime analisi critiche sul mito dell' olocausto fatto da storici e da veterani di guerra
alleati, che notarono differenze tra quanto videro e tra quanto lessero sui bollettini
ufficiali. Ci sarebbero voluti molti anni prima che queste prime analisi revisioniste
venissero considerate.
 

6. AUSCHWITZ É IN POLONIA, NON IN GERMANIA. CE' UNA QUALSIASI PROVA CHE
   CAMERE A GAS, COSTRUITE CON LO SCOPO DI UCCIDERE PERSONE ESISTETTERO
   AD AUSCHWITZ ?

No. Le pretese "camere a gas" mostrate ai turisti ad Auschwitz non avrebbero potuto essere
utilizzate per portare a termine esecuzioni. Sono assolutamente troppo piccole, e non sono
nemmeno a prova d'aria. Nel 1980 l' esperto americano Fred Leuchter, che costruí camere a
gas per il sistema penale americano prese campioni dai muri delle pretese "camere a gas"
di Auschwitz per analisi chimiche. Non trovó alcuna traccia di residui di cianuro.
Quello che viene mostrato ad Auschwitz é un falso, puro e semplice, un' attrazione turistica
stile Disneyland.
 

7. SE AUSCHWITZ NON ERA UN CAMPO DI STERMINIO QUAL'ERA IL SUO VERO SCOPO ?

Era un complesso manifatturiero su larga scala. Vi si produceva gomma sintetica
(Buna) ed i prigionieri erano utilizzati come forza lavoro, nella stessa maniera in cui il
lavoro dei prigionieri é utilizzato nel sistema correzionale negli Stati Uniti oggi.
 

8. COS'ERA L'INFAME GAS ZYKLON-B ?

Lo Zyklon-B era un prodotto commerciale a base di acido cianidrico.
Ha un gran numero di usi industriali, inclusa la fumigazione di vestiti
infestati da pidocchi, appunto lo scopo per cui fu applicato ad Auschwitz.
L' acido cianidrico é largamente prodotto ed utilizzato per questo scopo
anche oggi.
 

9 SE AUSCHWITZ NON ERA UN CAMPO DI STERMINIO PERCHE' L' EX
COMANDANTE RUDOLF HOESS CONFESSO' CHE LO ERA ?

Hoess fu catturato dai comunisti russi e polacchi, e brutalmente torturato.
Firmó la sua confessione, L' UNICA FONTE per il dato dei sei milioni di
ebrei morti in inglese, una lingua che non comprendeva. Alcune pagine
del documento originale sono letteralmente macchiate del suo sangue.
Hoess fu poi rapidamente e convenientemente  impiccato cosí che non
potesse essere controinterrogato.
 

10. QUANTO TEMPO OCCORRE PER VENTILARE UN'AREA FUMIGATA CON
       LO ZYKLON-B ?

Circa venti ore. L' intera procedura era estremamente complessa e tecnica.
Si sarebbero dovute utilizzare esclusivamente tecnici ben addestrati, equipaggiati
con  maschere antigas.
  (lo Zyklon é una preparazione studiata per rilasciare LENTAMENTE i vapori di acido
  cianidrico ed é completamente inadatto all' uso in camere a gas per scopo omicida ndt)
 

11. RUDOLF HOESS DISSE, NELLE SUE CONFESSIONI CHE I SUOI UOMINI SAREBBERO
      ENTRATI NELLE CAMERE A GAS DIECI MINUTI DOPO LA MORTE DEGLI EBREI, PER
      RIMUOVERE I CORPI. COME POSSIAMO SPIEGARE QUESTO ?

Non puó essere spiegato, perché non avrebbe potuto accadere. Se i tedeschi fossero entrati
a quel modo avrebbero subito la stessa sorte dei pretesi ebrei sterminati.
 

12. HOESS AFFERMA NELLE SUE CONFESSIONI CHE I SUOI UOMINI AVREBBERO FUMATO
      SIGARETTE MENTRE ESTRAEVANO GLI EBREI MORTI DA CAMERE CHE DIECI MINUTI
      PRIMA ERANO STATE RIEMPITE CON IL GAS. LO ZYKLON-B É ESPLOSIVO ?

Altamente. Le confessioni di Hoess sono un falso.
 
 

13. COME AVREBBE UN PROGRAMMA DI STERMINIO DI MASSA COME QUESTO
       ESSERE TENUTO SEGRETO AGLI EBREI DESTINATI ALLO STERMINIO ?
       COME AVREBBERO POTUTO IL PAPA, IL VATICANO LA CROCE ROSSA
       INTERNAZIONALE E LO SPIONAGGIO MILITARE NON ESSERNE AL CORRENTE ?

Data la riconosciuta efficienza e la penetrazione dell' OSS, del MI5 inglese e del NKVD
sovietico all' interno del Terzo Reich non avrebbe potuto essere tenuto segreto.

Non é nemmeno immaginabile perché gli alleati, che stavano combattendo per distruggere
la Germania non avrebbero usato una cosí potente arma propagandistica, se vi
fosse stata una minima prova durante la guerra che un evento del genere stava avvenendo.
 

14. QUANTI EBREI MORIRONO NEI CAMPI DI CONCENTRAMENTO TEDESCHI DURANTE
       LA GUERRA ?

Circa 300.000.
 

15. COME MORIRONO ?

Principalmente da ricorrenti epidemie di tifo che flagellarono l' Europa devastata
dalla guerra. Il tifo é una malattia epidemica che invariabilmente appare quando
grandi quantitá di persone sono ammassate insieme in precarie condizioni igieniche.
É portato dai pidocchi che infestano capelli e vestiti. Ironicamente, se i tedeschi
avessero utilizzato PIÚ zyklon-b per disinfezione sarebbero sopravvissuti piú ebrei.
Molti prigionieri ebrei (cosí come molti altri) morirono per fame e mancanza di cure
mediche, verso la fine della guerra, quando praticamente tutte le strade e le ferrovie
divennero inutilizzabili per l' intensa campagna di bombardamento alleata.
 

16. QUAL É LA DIFFERENZA TRA SEI MILIONI O 300.000 EBREI MORTI ?

5.700.000, ma il problema chiave e se ci fu o non ci fu un deliberato e
sistematico tentativo, da parte del Terzo Reich di sterminare gli ebrei
europei.  Le prove dimostrano chiaramente che non ci fu, e l' attenzione
del mondo dovrebbe ora focalizzarsi sull' identitá, le attivitá e le motivazioni
finanziarie e politiche che inflissero a tutta l' umanitá per i passati cinquant'anni
la grottesca, diffamatoria e malvagia bugia dell' "olocausto".
 
 

17. MOLTI EBREI SOPRAVVISSUTI AI "CAMPI DI STERMINIO" AFFERMANO CHE
      I CORPI VENIVANO AMMASSATI IN CATASTE, COSPARSI DI BENZINA E BRUCIATI.
      QUANTA BENZINA SI SAREBBE DOVUTA USARE PER COMPIERE UN SIMILE LAVORO ?
 

Sicuramente MOLTA di piú di quanto la Germania riuscí a produrre o poté permettersi di
sprecare durante la guerra, questo é sicuro.
(non si riuscí a cremare del tutto nemmeno il cadavere di Hitler, appunto per la mancanza
di benzina ! ndt )
 
 

18. I CORPI POSSONO ESSERE BRUCIATI COMPLETAMENTE IN CATASTE ?

No. E' impossibile per dei corpi umani essere completamente
bruciati dalle fiamme in questo modo, dato che una catasta che brucia all'
aperto non puó generare abbastanza calore.
(nota da Winston Smith:  Posso personalmente confermare dalle mie
osservazioni dalle atrocitá, commesse da entrambe le parti durante la guerra
in Rhodesia che é impossibile distruggere corpi umani in massa usando benzina,
napalm o in qualsiasi altro modo, se in fosse aperte.  Gli "esperti" che affermano
diversamente stanno mentendo o scimmiottando quello che hanno sentito
affermare senza preoccuparsi di controllare.
 
 

19. GLI STORICI DELL' OLOCAUSTO AFFERMANO CHE I NAZISTI POTEVANO
       CREMARE CORPI IN CIRCA DIECI MINUTI. QUANTO TEMPO OCCORRE PER
       INCENERIRE UN CORPO, SECONDO DEGLI OPERATORI PROFESSIONISTI ?

Circa due ore.
 
 

20. PERCHÉ I CAMPI DI CONCENTRAMENTO AVEVANO I FORNI CREMATORI ?

Per poter eliminare efficientemente e igienicamente i cadaveri, morti di tifo ed
altre malattie.
(ogni cittá tedesca con piú di 50.000 abitanti deve avere per legge un forno crematorio ndt)
 

21. AMMETTENDO CHE I FORNI CREMATORI AVESSERO POTUTO FUNZIONARE
       24 ORE SU 24 IN TUTTI I CAMPI NEL TERRITORIO CONTROLLATO DAI TEDESCHI
       QUAL É IL MASSIMO NUMERO DI CORPI CHE SAREBBE STATO POSSIBILE INCENERIRE
       DURANTE TUTTO IL TEMPO IN CUI I CAMPI ESISTETTERO ?

Circa 430,600
 
 

22. É POSSIBILE UTILIZZARE UN CREMATORIO 24 ORE SU 24 ?
 

No. 12 ore al giorno, o 50% del tempo sarebbe giá una stima molto generosa.
I forni crematori devono essere ripuliti regolarmente ed accuratamente quando
funzionano a pieno regime.
 
 

23. IN MEDIA QUANTO RIMANE DI UN CORPO CREMATO ?

Dopo aver triturato e ridotto in polvere le ossa, un procedimento separato che
richiede altro tempo di per sé, circa il volume di una scatola da scarpe.
 
 

24. SE SEI MILIONI DI PERSONE FOSSERO STATE INCENERITE DAI NAZISTI
       COSA É SUCCESSO ALLE CENERI ?

Questo rimane da essere spiegato.  Sei milioni di corpi avrebbero prodotto letteralmente
montagne di cenere, tonnellate su tonnellate, e non sono stati trovati grandi depositi di
cenere, né ad Auchwitz né in altre parti in Europa.
 
 

25. LE FOTO AEREE ALLEATE DI AUSCHWITZ MOSTRANO UN QUALSIASI SEGNO DI
       FORNI CREMATORI IN PIENA OPERAZIONE ?

No. queste fotografie non rivelano nemmeno l' immensa quantitá di fumo che avrebbe
dovuto ricoprire costantemente il campo, cosí come non rivelano alcuna prova delle
pretese cataste dove i corpi sarebbero stati bruciati.
(vedi anche http://www.air-photo.com/  )
 
 

26. COSA HA DA DIRE LA CROCE ROSSA INTERNAZIONALE SULL' INTERA
      VICENDA DELL' "OLOCAUSTO" ?

Un rapporto sulla visita di una delegazione della Croce Rossa ad Auschwitz
nel settembre del 1944 evidenzió che agli internati era permesso ricevere
pacchi e posta dall'esterno, e che le dicerie di gasazione non potevano essere
verificate.  L' intero rapporto ufficiale della Croce Rossa sulla Seconda Guerra
mondiale non menziona e non conferma alcuna delle affermazioni dei testimoni
dell' "olocausto".

E' Interessante notare che nel 1996, cinquant'anni dopo la fine della guerra i
 media liberal  in Americaed in Europa iniziarono a pubblicare una serie di articoli
affermanti che la Croce Rossa fosse piena di "simpatizzanti nazisti".
Quest' accusa é totalmente falsa, e puó essere fatta risalire ad un tentativo
degli ebrei di prepararsi una scusa, in modo da  limitare il danno, dato che
il mito dell' olocausto sta lentamente ma inesorabilmente crollando, grazie
ad un sempre piú attento esame ed una sempre piú esaustiva analisi critica.
 
 

27. IL DIARIO DI ANNA FRANK É GENUINO ?
 

Cosí come é stato pubblicato no.  La critica, compilata da Dietlib Felderer
in Svezia e dal Dr. Robert Faurisson in Francia provano conclusivamente
che la versione pubblicata del famoso diario é un falso letterario.
Ci fu una ragazza chiamata Anna Frank, e diverse sezioni del suo diario
appaiono genuine, incluse diverse dove viene descritta una esperienza
lesbica adolescenziale che furono poi rimosse dal testo pubblicato.

Nel 1950 il padre di Anna Frank fece causa a Meyer Levin, l'attuale
editore del diario per le royalties del libro. Un giudice ebreo di New York
ordinó che i verbali della causa fossero tenuti segreti per 100 anni.
Quando l' originale del diario fu esposto, pochi anni fa fu notato che
molte sezioni importanti del libro erano correzioni effettuate con
delle PENNE A SFERA, uno strumento che no sarebbe stato in vendita
prima del 1950. L'originale del diario fu rapidamente rimosso dall'
esposizione e inviato in una cassetta di sicurezza in Israele.
Non é mai stata consentita un suo esame, nonostante le ripetute
richieste di studiosi di prenderne visione.
 
 

28 NUMEROSE FOTOGRAFIE E FILMATI, CHE SI PRETENDE SIANO STATE PRESE IN
     CAMPI DI CONCENTRAMENTO TEDESCHI MOSTRANO PERSONE E  CADAVERI
     EMACIATI. SONO TUTTI FALSI ?
 

Qualcuna lo é, ma la maggior parte del falso risiede nella descrizione.
Cadaveri di vittime di bombardamenti aerei, per esempio sono etichettati
come ebrei morti. Una famosa e spesso ristampata foto, che presenta una
"SS nazista" mentre sta per sparare ad una madre con un bambino in braccio,
esaminata attentamente con una lente dimostra a storici familiari con le uniformi
e le armi del periodo che l' assassino é un soldato dell' Armata Rossa, impugnante
una carabina prodotta in Russia.

L' abitudine sterminazionista di incolpare i tedeschi per atrocitá compiute dai
sovietici é comune, perfino dopo che alcuni degli esempi piú infami, come
il massacro di prigionieri polacchi nella foresta di Katyn siano stati propriamente
affissi alla porta del Cremlino.  Che questo tipo di truffe continui ad essere perpetrata
dagli "esperti" dell' Olocausto non dovrebbe sorprendere, dato che la grande
maggioranza di essi sposa ideali politici marxisti o di estrema sinistra, e sono
tanto svelti nell' accampare scuse per giustificare massacri compiuti da Stalin
quanto lo sono nell' inventare truffaldinamente crimini attribuiti ad Hitler.

La quasi universale orientazione sociale, liberal e di sinistra dei difensori dell'
"olocausto" é importante e dovrebbe essere sempre tenuta in mente quando si
esaminano le loro affermazioni; lasciare Stalin fuori dai guai é quasi importante
quanto infangare e diffamare la memoria di Hitler e del popolo tedesco.
Un buon esempio di questo é il rifiuto del leader del "Nizkor" Ken McVay di
accettare mail del NSWPP dopo che il segretario generale Smith gli chiese
perché non condannasse i massacri di Stalin.
 
 

29. QUALE FU IL RUOLO DEL VATICANO NEL PERIODO IN CUI SI PRETENDE
      CHE I SEI MILIONI DI EBREI FURONO STERMINATI ?

Se un tale piano di sterminio fosse stato messo in pratica in una nazione
predominantemente cattolica come la Polonia il Vaticano sarebbe sicuramente
stato nella posizione di saperlo.  Dato che nessun piano é mai esistito il Vaticano
non ha avuto il bisogno di parlarne.
 
 

30. CHE PROVE ABBIAMO CHE HITLER ORDINÓ LO STERMINIO DEGLI EBREI ?

Nessuna. Nessuna prova documentale di alcun tipo, indicante un deliberato
piano di sterminio da parte dei nazisti é mai venuta alla luce. Nessun ordine
firmato da Hitler, da Himmler o da un qualsiasi funzionario del Terzo Reich é
mai stato scoperto.  I nazisti furono meticolosi sino all' incredibile nell' archiviare
qualsiasi cosa, e gli alleati sequestrarono MIGLIAIA di tonnellate alla fine della
guerra, e ci vollero anni ad archivisti e storici alleati per organizzarli e catalogarli
tutti, ma non scoprirono nulla.

(a parte forse i "protocolli di Wansee", venuti misteriosamente alla luce proprio
 in occasione del processo Heichmann, certo, questi nazisti hanno redatto un
 documento tanto importante per gli sterminazionisti e che ti fanno ?
 NON lo battono su carta intestata e NON lo firmano ! tsk tsk
 Ma sicuramente dei fogli bianchi battuti a macchina sono prove incontrovertibili !  ndt)
 

31. I SIONISTI ED I TEDESCHI COLLABORARONO PRIMA E DURANTE LA GUERRA  ?
 

Sí. Entrambi i gruppi erano interessati nel rimuovere gli ebrei dall' Europa (i sionisti
volevano gli ebrei imbarcati in Palestina) e mantennero relazioni amichevoli durante
tutta la guerra. Il ministro tedesco che invió migliaia di ebrei nella Palestina occupata
dagli Inglesi (compreso il futuro primo ministro israeliano Menachem Begin) fu Adolf
Eichmann. Dopo la guerra l' industria dell' Olocausto consideró questo segreto cosí
volatile e pericoloso che Eichmann fu rapito dal Mossad israeliano e successivamente
assassinato per tappargli la bocca.
(il famoso Haavara-Abkommen, cfr.C.Mattogno ntd)
 
 

32.  QUANTI EBREI VIVEVANO NELLE AREE CONTROLLATE DAI TEDESCHI DURANTE
        LA GUERRA ?

Leggermente meno di quattro milioni.
 
 

33. QUANTI EBREI FUGGIRONO IN UNIONE SOVIETICA PER SFUGGIRE AI NAZISTI ?

Oltre due milioni.  I tedeschi non avevevano la possibilitá di internarli o di ucciderli.
 
 

34. SE GLI EBREI EUROPEI NON FURONO STERMINATI DAI NAZISTI COSA É
       ACCADUTO LORO ?

Dopo la guerra molti ebrei emigrarono in Palestina, negli Usa, in Argentina,
in Canada ed in Gran Bretagna.

(molti vivono ancora in Europa : la comunitá ebraica francese, per esempio é
oggi la piú numerosa d' Europa;  il che é molto strano visto che fu una delle prime
nazioni ad essere occupata. Se i tedeschi volevano veramente sterminarli ne
avrebbero avuto tutto il tempo in quattro anni, invece...  ndt)
 

35. COME IL POPOLO ISRAELIANO TRAE BENEFICI DALLA STORIA DELL'
       OLOCAUSTO ?

Li mette al riparo da qualsiasi critica al loro comportamento politico, economico
e sociale.  É uno strumento per rastrellare immense somme di denaro, prezzo
della colpa, specialmente dal governo tedesco. Questo giustifica che gli aiuti al
governo israeliano raggiungano quasi 10 miliardi di dollari all' anno da varie fonti.
Israele ha ricevuto almeno 70 miliardi di dollari in varie "riparazioni per l' olocausto",
e le richieste stanno crescendo ogni anno.  É chiaro l' interesse di Israele e del
popolo ebraico mantenere funzionante l' imbroglio dell' olocausto.
 
 

36. FILM COME "OLOCAUSTO", "SCHINDLER'S LIST" E "VENTI DI GUERRA"
       SONO DOCUMENTARI ?

I film di Hollywood non sono storia, e non si pretende che lo siano.
Sono storie di fantasia. I personaggi nei film sono attori, non persone
reali, e sono stati fortemente pagati per rappresentare eventi che non
avvennero in realtá. Loro leggono i loro dialoghi da un copione, scritto da
sceneggiatori di Hollywood, una professione in cui gli ebrei sono
presenti in percentuale enormemente superiore alla loro percentuale
demografica, cosí come sono largamente presenti nei settori creativi e
finanziari della creazione di films.

Hollywood é una fonte storica tanto inaffidabile che, recentemente molti
commentatori e giornalisti hanno iniziato ad esprimere dubbi e sospetti
su qualche film. Per esempio il personaggio di Oscar Schindler come
raffigurato da Liam Neeson nel film di Spielberg "Schindler's list" fu
talmente ripulito da essere irriconoscibile. Schindler fu ritratto come una
specie di santo, mentre nessuno, tra chi é ancora vivo e ricorda il personaggio
ha una sola parola buona per lui. Il vero Schindler fu un imbroglione, un ladro,
un libertino, un degenerato giocatore d'azzardo che indulse liberamente
in rapporti sessuali forzati con con giovani prigioniere e che, piú tardi
abbandonó la moglie ed i figli per scappare con la sua amante in Brasile,
dopo aver sottratto una grossa somma di denaro.
Altri registi di majors Hollywoodiane sono finiti sotto accusa per i loro ritratti
di personaggi storici come Nixon e per la ricostruzione di eventi come l'
assassinio di JFK , che dimostrano un' ossessione paranoide per le piú
bizzarre teorie cospirazioniste di estrema sinistra.
 
 

37. QUANTI LIBRI, REGOLARMENTE PUBBLICATI RIFIUTANO QUALCHE ASPETTO DELLE
      COMUNI AFFERMAZIONI EBRAICHE SULL' OLOCAUSTO ?

Oltre 100, piú altri in lavorazione
 
 

38. MA QUELLI CHE METTONO IN DISCUSSIONE L' OLOCAUSTO NON SONO
       TUTTI NEONAZISTI O ANTISEMITI ?

Qualcuno lo é, anche se non si capisce il perché a queste persone dovrebbe
essere negato il diritto di esprimere le loro idee, diritto che le democrazie liberali
riconoscono liberamente a tutti.
Molti revisionisti, comunque sono accademici, genuini studiosi che cercano solo
la veritá.  Molti hanno punti di vista liberali o libertari, anche se questi punti di vista
spesso cambiano quando sono soggetti alle intense persecuzioni che
accompagnano tutte le deviazioni dall' ortodossia ufficiale dell' olocausto.
 
 

39. COSA É ACCADUTO AGLI STORICI CHE DISCUTONO LA VERSIONE
      UFFICIALE DELL' "OLOCAUSTO" ?

Una varietá di cose spiacevoli.  Significantemente gli ebrei hanno sempre
rifiutato di dibattere apertamente i fatti dell' olocausto con i revisionisti.
Un gruppo, su internet, che si pretende sia stato creato per questo scopo,
chiamato il nizkor, in realtá non dibatte con i revisionisti, ma, piuttosto
si accanisce con campagne isteriche ad hominem contro chiunque
osi esprimere un qualsiasi dissenso o dubbio sull' ortodossia dell'
olocausto.  É chiaro, dai molti post degli accoliti della gang del nizkor
su vari newsgroup che hanno attirato un gran numero di persone,
per lo piú ebrei, ma anche molti liberal di sinistra, motivati da
un intensa bigotteria razziale ed ideologica contro chiunque sia in
disaccordo con loro ed, in qualche caso appaiono gravemente disturbati
mentalmente ed emozionalmente.

Gli ebrei rispondono ad ogni domanda sull' olocausto con odio, violenza e
persecuzione, il che é giá la miglior prova che hanno qualcosa da nascondere.
In molte nazioni chi pone domande politicamente scorrette o mette in discussione
l' olocausto é arrestato, torturato ed imprigionato.

Il Dr. Robert Faurisson fu assalito da una banda ebraica che lo pestó cosí
malamente che rimase quasi zoppo. In california una libreria che vendeva
testi revisionisti fu bruciata, ed a Toronto la casa dell' autore revisionista
Ernst Zundel fu quasi distrutta con un incendio doloso.
Zundel fu soggetto di una bizzarra serie di processi-show durati oltre dieci
anni e, dopo essere stato,  finalmente assolto gli é stata negata la cittadinanza
canadese e sta ancora difendendosi da tentativi di deportarlo in Germania.

Un cittadino americano, Gerhard Lauck di Lincoln, Nebraska fu rapito
dal governo tedesco, e sta scontando una lunga condanna per il
"crimine" di aver scritto materiale revisionista NEGLI STATI UNITI, dove
é legale. Un altro cittadino americano, Hans Schmidt, residente in Florida
fu rapito, tenuto in carcere in Germania per quasi un anno e rilasciato
solo dopo una serie di richieste internazionali. Il "crimine" di Schmidt fu
di scrivere un articolo revisionista, come quello che state leggendo, negli
Stati Uniti. Il revisionista tedesco Manfred Roeder é stato imprigionato tante
volte che ha perso il conto.  I revisionisti hanno perso il posto di lavoro, sono
stati scacciati da cattedre universitarie, sono stati vittime di cause e denunce
fatti per molestia, hanno ricevuto bombe nella posta e sono soggetti a costanti
minacce di morte da ebrei e marxisti.
 

QUESTE NON SONO LE REAZIONI DI PERSONE INNOCENTI.
Persone innocenti che sono state accusate di un crimine o di una truffa non
rispondono provando ad uccidere, imprigionare, o zittire i loro accusatori.
Piú di ogni altra cosa il comportamento degli ebrei e dei governi che loro
influenzano cosí fortemente é la prova che l' olocausto é una truffa.
Se l' olocausto fosse fosse vero né gli ebrei né le autoritá statali avrebbero
bisogno di usare la forza per zittire i critici, cosí come non cé bisogno della
forza per zittire chi crede che la terra sia piatta.  Gli arresti, gli imprigionamenti,
gli assalti ed i pestaggi sono l' equivalente morale della piena confessione
di essere degli spudorati bugiardi, di aver imposto la piú grande e malvagia
bugia della storia dell' umanitá, di aver usato questa bugia come scusa per
rapinarci, per rubare la nazione di altre persone e per massacrarne gli abitanti
originali, come stanno facendo ora, nel momento in cui scrivo questo, nella cittá
di Ramallah.
 
 

40. QUESTE AZIONI MAFIOSE SONO RIUSCITE A ZITTIRE I REVISIONISTI ?

No. Hanno soltanto reso i revisionisti piú determinati che mai nell' assicurarsi
che la veritá venga a galla e che le nazioni della terra capiscano come siano stati
ingannati, come siano stati truffati e derubati per oltre mezzo secolo con la bugia
dell'  olocausto.  Ci sono pochi dubbi che tra le generazioni successive l' olocausto
sará accettato dagli storici e dal grosso pubblico per quello che é :
una truffa di ispirazione politica.


Torna alla pagina principale